“Shhhhhh... it's Speakeasy!!”


Il Proibizionismo negli anni ruggenti

Speakeasy. Sicuramente una parola che vi sarà saltata all’orecchio più volte. Oggi, infatti, è un termine molto diffuso nel mondo dei locali e non solo, ma…sapete da dove nasce? Quali sono le sue radici? La storia di questo vocabolo ha dei retroscena che vi stupiranno!

Per speakeasy, letteralmente “parlar piano”, si definisce un esercizio commerciale che vende illegalmente bevande alcoliche. Il boom di locali speakeasy americani si ebbe nel periodo che va dal 1920 al 1933, non a caso in perfetta coincidenza con il periodo conosciuto come Proibizionismo.

CENNI STORICI SUL PROIBIZIONISMO. I primi gruppi a favore del proibizionismo nacquero all’inizio dell’Ottocento: i loro membri erano bianchi che vivevano nelle aree rurali del paese, in gran parte donne, anglosassoni e appartenenti a qualche setta protestante. Con l’aumento dell’immigrazione, il movimento diventò sempre più xenofobo; l’idea alla base del fenomeno era che ci fosse un’America tradizionale da difendere e quest’America era bianca, protestante e contadina. Il nemico di questi valori era l’America degli immigrati che abitavano le grandi città, dove la criminalità era molto più diffusa ed associata proprio al consumo di alcolici.

Quando, nel 1917, gli Stati Uniti entrarono in guerra con la Germania, si iniziò a pensare che con le risorse risparmiate dalla produzione di alcol, si sarebbe potuto aumentare lo sforzo bellico. Nel  gennaio del 1920, negli USA, entrò allora in vigore il XVIII emendamento, che proibì la vendita, il consumo, l’importazione e la produzione di alcolici. Iniziò il Proibizionismo, il cosiddetto noble experiment.

Come potete ben immaginare, una legge non può cambiare in maniera radicale le abitudini della popolazione: milioni di americani che usavano fare vita mondana volevano continuare a bere, e non si adattavano facilmente a un cambiamento così drastico.

Così il Proibizionismo, che doveva garantire una nuova epoca di benessere e virtù, in realtà darà il via alla produzione di alcol clandestino e commercio illegale. Nacquero, allora, prodotti di alta gradazione, come il Moonshine per esempio, che prende il nome dalla produzione al chiaro di luna per non farsi scoprire dalle autorità. Ben presto, questa situazione penalizzante provocherà gravi conseguenze, come il dilagare del contrabbando e la diffusione della criminalità organizzata; i liquori, poi, saranno venduti e consumati nei locali clandestini, gli speakeasy appunto.

LE CONSEGUENZE. Uno dei primi effetti del Proibizionismo fu che il governo federale degli Stati Uniti perse gran parte degli introiti derivanti dalla tassazione degli alcolici. Il secondo effetto immediato fu che si iniziarono a spendere parecchi soldi per metterlo in pratica; il Bureau of Prohibition, principale forza che combatteva i produttori di alcolici, si trovò dunque costretto a raddoppiare il numero dei suoi impiegati. Soldi e uomini crescevano di pari passo con la criminalità, ma non servirono  a contenerla. Un’altra delle conseguenze del Proibizionismo, infatti, fu quella di consegnare alla criminalità organizzata una fonte di guadagno incomparabilmente più grande dei loro precedenti giri d’affari.

Produzione, contrabbando e vendita illegale erano diventati un business così redditizio che le varie organizzazioni criminali si scontrarono violentemente per ottenerne il monopolio. Uno di questi scontri, fu il famoso massacro di San Valentino tra la banda di Al Capone e i rivali irlandesi di Bugs Moran a Chicago nel 1929.

LA FINE. La fine del Proibizionismo si avvicinò con la crisi del 1929, quando il governo degli Stati Uniti si trovò nella disperata necessità di ottenere nuovamente le entrate che forniva la tassa sugli alcolici. Tuttavia, ci furono anche ragioni di ordine pubblico: gli americani volevano bere a prezzi più bassi di quelli che garantiva il mercato nero, la criminalità era fuori controllo e la corruzione si era diffusa ovunque, alimentando il degrado sociale. Il Proibizionismo aveva fallito, e il 5 maggio 1933 fu istituito il Blaine Act, con cui veniva messa in moto la procedura costituzionale che avrebbe portato alla rimozione del Diciottesimo emendamento.

Come avrete potuto capire, il Proibizionismo ha generato un fenomeno sociale senza precedenti, quello del radicalizzarsi della criminalità organizzata, con cui ancora oggi, purtroppo, l’America si ritrova a fare i conti.

 

 

Giuls

monday, november 23 TRA SOGNO E REALTÀ
La storia di Swing Dance Society
monday, november 23 "MA IO BALLO GIÀ DA DUE ANNI!"
(e voglio continuare a farlo...)
friday, september 18 OCCHIALI FANTASTICI E DOVE TROVARLI
Uno “sguardo” ai modelli in stile 30s e 40s
friday, september 18 ON THE SUNNY SIDE
Cose lindy-divertenti per alzare l'umore 
friday, september 18 SWING SU TELA
Ballo, musica e arti visive
friday, september 18 "JAZZ, BLUES, COOL"
Il significato nascosto delle parole nella musica swing e blues
friday, september 18 THE BIG APPLE DANCE
Storia di una "Grande Mela"
friday, september 18 MUSICA MAESTRA!
Talenti al femminile
tuesday, june 30 HALLOWEEN, VINILI E CINEPRESE...
...e spaventosi consigli musicali
tuesday, june 30 NO COLOR LINE IN THE MUSIC
John Hammond
tuesday, june 30 FRANKIE 105
Un mese di Frankie Manning
tuesday, june 30 LA MISSIONE DEL JAZZ
I Ghetto Swingers e la musica degenerata
tuesday, june 2 "THE WORLD IS A PICTURE"
Scatti di vita e di strade
tuesday, april 21 METTIAMOLI IN PIEGA!
Come acconciare i capelli in stile '40s
wednesday, october 11 ONCE UPON A TIME IT WAS THE BLUES
Breve storia del blues e altro
sunday, july 2 LET'S GO TO SWIM!
Com'erano i costumi da bagno
wednesday, may 31 BYE BYE JACK AND JILL
Vogliamo ancora chiamarlo così?
thursday, may 18 I AM A FOLLOWER!
Seguire, ma non solo
tuesday, april 18 I AM A LEADER!
Ballerini che ascoltano
wednesday, november 16 WE'RE FLYING JUST LIKE LINDY DID!
Perché si chiama “Lindy Hop”?